Stampa

Come scegliere un occhiale adatto a noi

Per poter scegliere degli occhiali adatti al nostro viso bisogna considerare dei parametri che possono variare da persona a persona. Quando sceglieremo i nostri occhiali dobbiamo fare riferimento alle misure di ponte e calibro.

Legenda:

Calibro: si intende la misura della larghezza della lente in mm

Ponte: misura la larghezza del ponte in mm

Asta: la parte che si attacca al frontale che si appoggia alle orecchie

Flex: meccanismo che permette la flessione dell'asta tramite molla o altri meccanismi


 

Glossario:

Miopia: è la condizione in cui l'occhio non riesce a vedere adeguatamente da lontano senza occhiali o lenti a contatto.

Ipermetropia: è un difetto visivo che non consente una buona visione né da vicino né da lontano.

Astigmatismo: è un difetto visivo che non consente una buona visione né da lontano né da vicino.

Presbiopia: è la difficoltà di messa a fuoco delle immagini da vicino che si verifica, in genere, dopo i 40 anni.

Cheratocono: il cheratocono è una malattia degenerativa della cornea che colpisce sia uomini che donne in giovane età e che porta un peggioramento costante e progressivo della vista.

Occhio secco: è un disturbo dovuto alla scarsa produzione di lacrime: le ghiandole per un'atrofia parziale o totale non producono più a sufficienza liquido lacrimale e l' occhio diventa quindi, più o meno secco.


 

Lenti Progressive

Nel corso degli ultimi anni le esigenze visive sono cambiate notevolmente, a causa dell'enorme utilizzo che viene fatto dei video terminali. Per chi ha problemi sia nella visione da lontano che da vicino, nel settore oftalmico, lo strumento in grado di rendere al meglio la qualità della visione è la lente progressiva.

Lenti a contatto

La tipologia di lenti a contatto più utilizzata oggi è in materiale morbido. Le lenti morbide o idrofile, così chiamate peri l loro contenuto di acqua che le rende morbide, sono realizzate con polimeri plastici organici.